Category Archives: Il Gestionale

Black friday

Black Friday

Quando il marketing diventa celebrazione. L’ultimo segnale dell’internazionalizzazione del mercato è arrivato. Ormai da anni siamo abituati a celebrare le più note festività statunitensi come halloween e l’indipendence day, ma da quest’anno in Italia approda anche il black friday. Usanza tipicamente americana, successiva al Thanksgiving Day, che cade ogni anno al quarto giovedì di Novembre, il black friday segna la giornata di inizio dello shopping natalizio. Mossa di marketing audace, affonda le sue radici nel lontano 1924 quando la catena Macy’s, con la campagna  Christmas Parade, inaugura l’inizio del mese…

Read More »

444133651-campus-compiti-a-casa-studiare-college

Come migliorare la propria organizzazione e metodo di studio.

Tutti noi abbiamo sempre desiderato di riuscire ad organizzarci in maniera efficiente, in modo da poter avere il massimo controllo sul nostro tempo: ognuno di noi cerca metodi differenti e personali, ma è innegabile che certi tipi di organizzazione sono poco efficaci e spesso dispendiosi (sempre in termini di tempo) da mantenere. Vi sono però alcune pratiche di bassissimo costo che riescono a rendere molto più semplice la gestione dei nostri impegni o del nostro studio: ovviamente si può non essere d’accordo, ma vari studi…

Read More »

Schermata 2015-11-25 alle 22.01.34

Una Startup italiana alla conquista della Silicon Valley.

La Silicon Valley, letteralmente “valle del Silicio”, componente utilizzato da produttori di computer e di microchip che qui concentravano le proprie aziende, rappresenta per ogni imprenditore un punto di partenza e un’ottima vetrina dove poter mettere in mostra le proprie capacità e le proprie idee. Sono infatti presenti moltissimi investitors pronti a dar forma ai sogni di ognuno, ovviamente con le dovute precauzioni e i relativi privilegi che pretendono siano loro garantiti. La Silicon Valley è quindi una “valle di speranza” ma, come succede spesso, gli imprenditori…

Read More »

audacia

Grinta e coraggio: punto di forza od ostacolo?

Sia nel mondo della scuola che in quello lavorativo vi è sempre stata una costante fondamentale: la tenacia e la persistenza pagano. Il modus operandi di molti studenti e di molti lavoratori, nel corso del tempo, si è basato su questi assunti, avendo spesso conferma di ciò attraverso risultati fra il passabile e l’ottimo, ma comunque positivi. Una cosa invece non è mai stata evidenziata: il rischio derivante da un’eccessiva audacia o grinta nei confronti del proprio compito. Uno studio della University of South California…

Read More »

Deflazione è un pericolo

La deflazione, cos’è e perché è un pericolo

Il calo prolungato dei prezzi innesca un circolo vizioso che porta meno ricchezza, più disoccupazione e minori consumi La deflazione è un pericolo per l’economia europea, in particolare per quella italiana. Il tasso d’inflazione dell’Europa si aggira intorno allo 0% quando invece il livello ottimale dovrebbe essere al 2%. Se la deflazione non viene combattuta rischia di innescare una spirale pericolosissima che aggraverebbe ancora di più la recessione. Un calo continuo dei prezzi potrebbe determinare una fittizia felicità nel consumatore ma innescare un circolo vizioso…

Read More »

yJl7OB3sSpOdEIpHhZhd_DSC_1929_1

L’importanza della compagnia: come il coworking aiuti a non isolarsi.

Nel mondo di oggi gli impieghi di liberi professionisti e freelance sono in netto aumento: ciò è  principalmente dovuto ad un mercato dalle richieste sempre più variegate ed elastiche, ad alto tasso di turbolenza. Per quanto però questa scelta lavorativa possa dare enormi soddisfazioni, vi è implicato un ostacolo tanto semplice quanto insormontabile: la solitudine. La completà libertà della propria mansione porta infatti i freelance a non avere né rapporti né luoghi di lavoro stabili, situazione che alla lunga può renderli demotivati e meno attivi.…

Read More »

made-in-Italy-Amazon

AMAZON, UN COLOSSO CHE NON SMETTE MAI DI RINNOVARSI. Sempre all’avanguardia, tra nuovi servizi e alta qualità.

Amazon è un’azienda di commercio elettronico statunitense con sede a Seattle, fondata nel 1994 da Jeff Bezos. Iniziò inizialmente come libreria online ma ben presto allargò la gamma dei prodotti venduti: dall’hitech e dall’abbigliamento all’alimentazione. Il piano aziendale di Amazon era inusuale: l’azienda non pensava di fare profitto per i primi 5 anni, tanto che molti azionisti, non vedendo dei guadagni immediati, si lamentavano di continuo. Tuttavia, quando alla fine degli anni Novanta, scoppiò la bolla delle “Dot-com”, e molte aziende che operavano su internet…

Read More »

image_thumb[11]

Givers, takers, matchers: come il comportamento in ambito lavorativo influenza le possibilità di successo.

“Give and Take” è il titolo dell’unico libro scritto da Adam Grant, professore di management alla prestigiosa università di Wharton, Pennsylvania. Benchè molto giovane, la sua esperienza negli studi psicologici e sociologici gli ha permesso di elaborare statistiche e riflessioni di grande importanza nell’ambito della leadership e del team management.   Il testo si concentra in particolare sull’attitudine del singolo nell’interagire col prossimo: l’autore va poi ad analizzare come queste figure si relazionino nell’ambiente di lavoro, e come ciò influenzi le loro opportunità di spiccare…

Read More »

Senza titolo.pngf

UNA POLITICA INDUSTRIALE PER CRESCERE.

Il nostro valore ci è riconosciuto ogni giorno, da mercati sempre più competitivi. I problemi sono nel nostro paese, nella cultura poco favorevole all’impresa, nel suo alto debito, nella domanda interna che stenta a riprendersi, nella stagnazione di settori come l’edilizia e la distribuzione». In sintesi «siamo brillanti, ma afflitti da mali antichi, da cui facciamo fatica a guarire». È su questi mali e su come uscirne che Squinzi (presidente di Confindustria) ha parlato in questa intervista, a partire dalla bassa produttività, questione sottovalutata ma…

Read More »

Data_scientist_diagram

Il Data Scientist: quando la non specializzazione paga.

Sempre più spesso in ambito lavorativo si assiste ad una maggior specializzazione dei ruoli, dovuta principalmente all’aumento della complessità dei singoli mestieri. Ve ne è però uno in controtendenza, definito come “l’impiego più sexy del 21° secolo”: il data scientist. Con uno stipendio medio di 91000$/annui, è una figura sempre più richiesta dalle imprese, in particolare da grandi gruppi e multinazionali. Il suo punto di forza è proprio la versatilità: informatico, esperto di marketing, statistico, il suo compito è quello di raccogliere l’enorme quantità di…

Read More »